la dottoressa Bertolini, specialista dermatologo a Padova, Vicenza, Rovigo, parla delle manifestazioni cutanee in corso di scarlattina, rispondendo su “Bimbi sani e belli”  alla mamma di una bambina affetta da un esantema comparso dopo un episodio di mal di gola con placche biancastre.

La scarlattina è una malattia altamente contagiosa, provocata da un batterio, lo streptococco beta emolitico del gruppo A.

Inizialmente compare febbre elevata accompagnata da mal di gola con placche biancastre alle tonsille, Dopo la scomparsa della febbre per circa una, due giornate — ricompare la febbre e contemporaneamente l’esantema tipico della scarlattina, costituito da macule minute, di colorito rosso acceso, fittamente disseminate, fino a confluire senza intervalli di zone chiare. Inizia ad apparire alla radice degli arti (ascelle ed inguini) e si diffonde al resto del tronco, all’addome, agli arti e al volto. Al volto non interessa in modo caratteristico una regione pressochè triangolare tra naso, regione periorale e mento.

Esercitando una pressione sulla pelle, l’esantema scompare temporaneamente. La manifestazione eritematosa dura da due a cinque giorni, poi schiarisce progressivamente e lascia posto alla desquamazione della pelle.
La malattia era spesso mortale prima dell’era degli antibiotici. In assenza degli antibotiici veniva superata frequentemente con postumi gravi renali (glomerulonefrite), cardiaci (patologia delle valvole cardiache) o articolari.

Per saperne di più clicca qui